home > la pagina del turista > Galleria Principe di Napoli

Galleria Principe di Napoli


fonte foto: dalla rete

La costruzione della galleria si inserisce in una fase di profondi cambiamenti urbanistici, in un frangente di grandi variazioni tecniche e di gusto e di grossi stravolgimenti politici e sociali. In questo clima l'idea di creare una galleria in ferro e vetro era una naturale conseguenza di quelle variazioni di gusto che anche a Napoli, grazie agli interventi di Enrico Alvino, cominciavano a farsi sentire. Già nel 1863 si era provveduto a migliorare la pendenza di Via Fosse del Grano, ma soltanto nel 1870 si diede inizio ai lavori di costruzione della nuova galleria che sulla scorta dei "passages" parigini e degli "arcades" londinesi si sarebbe proposta come un nuovo centro commerciale cittadino, e che fu terminata solo nel 1883. Il progetto aveva dovuto tener conto dei diversi livelli di accesso e così, la presenza delle scalinate di raccordo determinò una certa estraneità dall'ambiente circostante; la preesistenza della chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, inoltre, non consentì la costruzione del quarto braccio e così la galleria ebbe i suoi accessi da Via Bellini, dalla Salita del Museo e dal largo spazio porticato costruito di fronte al Museo Nazionale

centro commeciale
più vicino:

MUSEO

copyright Napolishopping 2004